img-name-mising

Piazza Onorato II e le mura

Sito e monumento storici, Patrimonio storico, posto, Bastione, Ville d'art et d'histoire A Menton
  • La Piazza Honoré II è una piccola piazza all'ingresso della Città Vecchia - Porta Sant'Antonio, ai piedi della Basilica di San Michele.
    Porta il nome del Principe di Monaco (1597 - 1662) responsabile di molti splendidi edifici di Mentone tra cui la basilica.

  • La piazza, inaugurata nel 1975, porta il nome di Honoré II, signore di Monaco, Mentone e Roquebrune, poi principe di Monaco e al quale si deve l'edificazione della basilica di Saint-Michel, del bastione, dei conventi dei Cappuccini e della Madonna, nonché lo sfondamento della rue Neuve, oggi rue de Bréa.
    Nel 1975, in occasione della celebrazione del tricentenario della consacrazione della chiesa di San Michele, diverse case sono state demolite per liberarne le fondamenta. Le fortificazioni...
    La piazza, inaugurata nel 1975, porta il nome di Honoré II, signore di Monaco, Mentone e Roquebrune, poi principe di Monaco e al quale si deve l'edificazione della basilica di Saint-Michel, del bastione, dei conventi dei Cappuccini e della Madonna, nonché lo sfondamento della rue Neuve, oggi rue de Bréa.
    Nel 1975, in occasione della celebrazione del tricentenario della consacrazione della chiesa di San Michele, diverse case sono state demolite per liberarne le fondamenta. Le fortificazioni medievali che servivano da infrastruttura all'edificio sono oggi molto leggibili.
    Lungo la rue des Ecoles-Pies si innalzano le mura del fortino Saint-Jean, di cui si scorge sempre una bocca a fuoco che proteggeva una delle porte della città fino all'altezza dell'antico cammino di ronda.
    Nel 1700, la guerra di successione spagnola devastò la regione. La carestia regnava su Mentone.
    Cosa fare? Morire di fame o cercare di rifornire il paese?
    Uomini di buona volontà si dedicarono. Su un Chebec di fortuna presero il mare e, nonostante i corsari, si accalcarono verso Genova. Anche lì la carestia imperversava. Per ogni cibo restavano solo dei piccoli fagioli marroni «bazai» che riportarono il 2 agosto.
    Ad ogni angolo di strada, grandi calderoni sono installati in cui i mentonesi preparano un Agape popolare che salva il paese.
    Ancora oggi, alla data dell'anniversario, una mensa popolare viene servita sul vecchio porto per commemorare questo evento. Lardo e verdure di stagione hanno sostituito fagioli e punteruoli.
  • Ambiente
    • Città
    • Nel centro storico
  • Lingue parlate
    • Francese
Apertura
Periodi di apertura
  • Tutto l'anno 2022
    Aperto Tutti i giorni
Nos suggestions