© Pango Visual

La Riviera e i borghi arroccati

La Riviera francese: prezioso mosaico

La Riviera francese è ben più di una semplice cartolina. Le ricchezze naturali, i borghi, la luce e il fascino invitano ad una pausa amena! Il litorale della Riviera si delinea tra le facciate variopinte della città vecchia, gli alberghi di lusso Belle Epoque e Capo Martino in riva al Mediterraneo. Le vie sono pervase da fragranze di agrumi e di fiori esotici durante tutto l’anno.

Carte de la Riviera et les villages perchésCarte de la Riviera et les villages perchésCarte de la Riviera et les villages perchés© Menton, Riviera & Merveilles
Marine PortraitMarine PortraitMarine Portrait

“La Riviera francese si contraddistingue dal resto della Costa Azzurra: al riparo dal turismo di massa, è un territorio dove la modernità del litorale si unisce perfettamente all’autenticità dei borghi arroccati! Qui si percepisce la gioia di vivere durante tutto l’anno e ogni borgo ci regala dei panorami inconfondibili sul Mediterraneo”.

Marine

5 buoni motivi per visitare la Riviera e i borghi arroccati

Un microclima gradevole durante tutto l’anno

Il fascino di quei borghi rimasti autentici

I panorami sul Mediterraneo

Le passeggiate ed escursioni sotto il sole

Il patrimonio medievale, un autentico salto nel passato

Roquebrune-Cap-Martin

Tra passato e modernità

Situato in riva al Mediterraneo e al riparo dai venti del Monte Agel (1145 metri), questo territorio gode di un clima molto favorevole e ospita tra l’altro una flora incredibilmente ricca. Il vecchio borgo sovrastato dal castello fa tuttora parte del comune. Quest’ultimo comprende anche Capo Martino, naturale prolungamento di Roquebrune, costellato di splendide residenze con alberi centenari e il famoso sentiero dei doganieri detto Le Corbusier.

Beausoleil

La città cosmopolita

La Riviera francese è ben più di una semplice cartolina. Le ricchezze naturali, i borghi, la luce e il fascino invitano ad una pausa amena! Il litorale della Riviera si delinea tra le facciate variopinte della città vecchia, gli alberghi di lusso Belle Epoque e Capo Martino in riva al Mediterraneo. Le vie sono pervase da fragranze di agrumi e di fiori esotici durante tutto l’anno.

La Turbie

una reminiscenza romana nel cielo azzurro

Arroccata sopra il Mediterraneo sulla Grande Cornice, La Turbie è il punto più alto della Via Julia Augusta che collegava una volta Roma con la Gallia. Oggi il comune è noto per la presenza del Trofeo delle Alpi, testimonianza del glorioso passato romano.

I borghi arroccati

Balconi sospesi sul mare

Questi borghi fanno da cerniera tra mare e montagna. Incastonati su verdeggianti colline, regalano spesso uno scenario che sembra sospeso nel tempo. Oasi di pace con piazze ombreggiate, ripide viuzze e che emanano la deliziosa atmosfera di una volta, quei borghi dall’architettura medievale racchiudono alcuni piccoli tesori! Da Mentone, non esitare a seguire la strada perlopiù panoramica per raggiungerli.

Sainte-Agnès

il borgo costiero più alto d’Europa

Arroccato a circa 780 metri, il borgo di Sainte-Agnès, inserito tra i “borghi più belli di Francia”, può vantarsi di essere il paese più alto del litorale europeo. Qui le vie sono intrecciate e si estendono per l’intera lunghezza del borgo, sfruttando al meglio il rilievo naturale piuttosto…scosceso! Godrai di un eccezionale panorama su tutta la riviera della Costa Azzurra fino a San Remo. E se ti piacciono le specialità culinarie, sarai di sicuro appagato da una delle buone tavole del borgo!

Castellar

La città arroccata che ricorda i borghi italiani

A 7 chilometri da Mentone e a 370 metri di quota si erge il borgo di Castellar al termine di una via d’accesso molto tortuosa. I resti del vecchio borgo si trovano a un’ora di cammino a nord est dell’attuale borgo che risale dal canto suo alla metà del XV secolo. Le vie principali sono collegate da passaggi voltati molto suggestivi. La vista sul Mediterraneo è straordinaria. Andando a scoprire questo luogo, avrai l’impressione di immergerti in un borgo italiano: lunghe e strette viuzze, case dalle facciate gialle, giallo ocra o arancione, passaggi coperti…

Gorbio

All’ombra dell’olmo

Accogliente e animato durante tutto l’anno, Gorbio ha conservato la sua anima autentica. Nel cuore del borgo troneggia il famoso olmo, maestoso albero diventato motivo di orgoglio per gli abitanti e inserito tra i “cento alberi monumentali di Francia”. Con le viuzze acciottolate e le case porticate, sarai di sicuro ammaliato dall’atmosfera di una volta che regna nel paese. L’intero borgo è abbellito da giganti piante succulente e piante mediterranee, ciò che conferisce un tocco vivace ed elegante a queste vecchie costruzioni in pietra ricche di storia.

Castillon

Sulla Strada delle Grandi Alpi

Castillon, ridente borgo di artigiani arroccato a 706 metri, domina il fondovalle di Mentone. Prima di giungere al borgo, passerai per forza vicino all’impressionante viadotto del Caramel a 13 archi. Giunto a destinazione, capirai senza difficoltà che le case di pietra costruite a metà pendio in stile provenzale, abbellite dalle loro imposte verdi, sono valse al paese il titolo di “borgo più bello di Francia” nel 1952. La magia perdura tuttora in particolare grazie agli artisti che vi hanno stabilito i loro atelier. La parete di arrampicata di Castillon attira dal canto suo le stelle della disciplina!

Soggiornare

sulla Riviera e nei borghi arroccati
I nostri suggerimenti