© Isabelle Fabre

Il parco del Mercantour

Parco nazionale del Mercantour: bolla d’aria

Tra mare e montagna, il Parco nazionale del Mercantour è un territorio montano per eccellenza: vasti alpeggi, laghi dalle acque terse, boschi di larici protettori, flora molto varia. Bolla d’aria, parentesi di quiete lontano dal caos urbano, il Parco del Mercantour ospita una fauna ricca e selvatica che si svelerà allo sguardo dell’escursionista magari desideroso di prendersela comoda. Incanto garantito!

Viabilità in Val Roya

Come certamente sai, la tempesta Alex ha duramente colpito il nostro territorio il 2 ottobre 2020. Richiamiamo la tua attenzione sul fatto che alcuni accessi ai comuni della Val Roya sono stati duramente colpiti. Al fine di garantirti un’esperienza ottimale qualora ti rechi nella parte centrale e settentrionale del territorio, ti raccomandiamo fortemente di informarti prima presso il punto informativo turistico di Tenda: 0033 4 83 93 98 82 o tende-tourisme@menton-riviera-merveilles.fr.
Alcuni link utili per gli accessi ai sentieri:

Ti ringraziamo per la comprensione e ti auguriamo un piacevole soggiorno nel nostro territorio.

Il parco del Mercantour,

un parco molto animato!

Segui il programma del parco! Sono tante le proposte di animazione durante la stagione estiva. Tutte quante affascinanti, una più dell’altra, ti svelano i segreti del parco e della sua incredibile biodiversità: andare alla scoperta degli animali, osservare i rapaci o i pipistrelli, assistere alla proiezione di film sul tema degli animali o su quello della geologia, a una serata Racconti e leggende sotto le stelle… Ai più giovani piacerà osservare, disegnare e giocare in mezzo alle incredibili ricchezze che offre il parco. Il top? Le escursioni fuori dai sentieri segnalati insieme alle guide del parco. Solo loro sapranno aprirti le porte segrete di questo ambiente preservato.

La valle di Fontanalba:

La Via sacra

Situata nel cuore del Parco nazionale del Mercantour, la valle di Fontanalba non ha nulla da invidiare alla sua gemella ovvero la valle delle Meraviglie. Con i suoi scenari bucolici, la sua meravigliosa flora fatta di orchidee, gigli, genziane o anemoni, questa valle è un paradiso per gli amanti della natura selvaggia e incontaminata. Immagina: i camosci e gli stambecchi fanno gli equilibristi sulle rocce frastagliate. Nel settore dei laghi del cosiddetto ‘Gias des Pasteurs’ fanno capolino le marmotte in mezzo alle fritillarie. Lungo la Via sacra, vasta lastra rossastra, sono esposte a cielo aperto le incisioni rupestri del Neolitico. No, non stai sognando! Questo posto esiste davvero e ti aspetta!

La valle di Valmasque,

i laghi, le cascate e i larici…

Maestosa val Valmasque con i suoi laghi multicolori! Si procede in mezzo a uno scenario di maestosi larici protettori. In quota, il paesaggio si svela e dà all’orizzonte sul rifugio della Valmasque che si confonde pienamente con lo scenario lunare del lago verde. Le femmine di stambecco delle Alpi, poco scontrose, si abbeverano nelle vasche naturali spesso accompagnate dai loro cuccioli. E se sei capace di procedere discretamente, forse le marmotte verranno a salutarti. Spettacolo magico! Occhio all’orologio, qui difficilmente ci si annoia !

Condizione dei sentieri

nella ‘zona cuore’ del Parco nazionale del Mercantour
I nostri suggerimenti