© Pango Visual

Da non perdere

Da non perdere a Mentone e sul litorale

Questa rubrica riguarda in qualche modo i nostri suggerimenti, i nostri posti preferiti per scoprire l’area autentica di Mentone! Andare a zonzo, assaggiare, meravigliarsi, scoprire la Storia… Qui sono talmente tante le esperienze da vivere che abbiamo pensato che avresti sicuramente bisogno di buoni consigli.

Città vecchia di Mentone

cuore pulsante del barocco

È bello perdersi nelle traverse della città vecchia, viuzze strette e tranquille tra luce e ombra. Vai a scoprire la storia del centro storico e lasciati pervadere dall’atmosfera barocca che fa battere il cuore della città vecchia. Superate le maestose rampe che salgono alla basilica di San Michele, fa’ una pausa sul sagrato! Goditi lo spettacolo di questo scenario barocco! Qui il colore la fa da padrone: le persiane azzurrognole fissate contro le facciate di color giallo ocra nelle sue varie tonalità, il blu cangiante del mare… Un autentico scenario da cartolina!

Il mercato coperto (Halles)

Un’esplosione di colori e sapori!

Tra il porto di pescatori e la città barocca ai piedi del campanile detto ‘Campanin’ si svela allo sguardo un magnifico complesso colorato e animato: il mercato coperto detto mercato ‘des Halles’, grande centro di aggregazione sociale e della gastronomia di Mentone. Sulla facciata orlata di ceramiche policrome della manifattura Saïssi spicca una data: 1898. L’età della “bella signora”! Sono più di 120 anni che ogni mattina gli abitanti di Mentone e i turisti si ritrovano qui in un incessante vocio e in un’atmosfera autentica… Un posto unico dove tastare il polso della città!

Il Piazzale delle Sablettes

Una passeggiata tra i colori di Mentone!

In una straordinaria cornice di fronte al mare: il piazzale delle Sablettes è un luogo di aggregazione dove gli abitanti di Mentone di tutte le generazioni amano ritrovarsi. Per quanto riguarda la vegetazione, sessanta alberi di notevole interesse costituiscono una passeggiata botanica esotica tra ceiba del Paraguay e cocco del Cile. In ogni ora si va a zonzo, ci si ferma su una panchina di fronte al mare, ci si adagia sui lettini prendisole…  Pausa al riparo dal caldo presso le fontane o i nebulizzatori. Ai piedi delle rampe che salgono alla basilica di San Michele, si attraversa il magnifico piazzale acciottolato, copia di quello del sagrato di San Michele. Una passeggiata caratteristica della città!

Il Trofeo delle Alpi (Trofeo di Augusto)

2000 anni di storia ci guardano dall’alto

Prima tappa dell’incredibile via Julia Augusta, il maestoso trofeo delle Alpi eretto intorno all’anno 6 avanti Cristo in onore dell’Imperatore si scorge da lontanissimo. Più ci si avvicina, più sono impressionanti le immense colonne di calcare bianco di La Turbie. Su un lato rimasto intatto si possono vedere i nomi delle 45 tribù celto-liguri delle Alpi annesse all’Impero Romano dall’imperatore Augusto. Inserito nell’elenco dei beni culturali (Monumenti nazionali) nel 1865 è un testimone privilegiato della storia della regione.

IL CONSIGLIO DELL’ESPERTO

Il Trofeo delle Alpi sovrastava una volta un santuario dedicato a Eracle Monoikos a cui Monaco deve il suo nome. Il Trofeo delle Alpi (Trofeo di Augusto) regala dal suo balcone una strabiliante vista panoramica che spazia dall’Italia fino al Golfo di Saint-Tropez!

La Fête du Citron® (Festa del Limone)

Evento immancabile

Dal 1934, durante la seconda quindicina di febbraio, Mentone ospita un evento di respiro internazionale: la fête du Citron® (Festa del Limone). Chiamato anche Carnevale di Mentone, l’evento raccoglie ogni anno 250 000 persone intorno a un tema che cambia annualmente. I corsi di Mentone, ossia sfilate di carri realizzati con agrumi, rivaleggiano con i carnevali più belli del mondo. Un evento ricco di colori e sapori!

Il Limone di Mentone

una meraviglia di agrume

Il Limone di Mentone, frutto d’oro dal sapore dolce e acidulo, è un elemento immancabile del nostro territorio, apprezzatissimo dai grandi chef e gourmet. Gode delle certificazione Indicazione Geografica Protetta dal 2015. Punto di forza notevole: non subisce nessun trattamento chimico dopo la raccolta e non è ricoperto da nessuna cera. Si può quindi consumare crudo come una mela. Scorza, albedo, polpa e succo, del limone non si butta via niente!

Il Forte della linea Maginot a Sainte-Agnès

un forte simile a un sommergibile!

Situato a 800 metri di quota, il Forte di Sainte-Agnès occupa una posizione strategica: ultimo bastione a sud del territorio, permetteva di impedire alle truppe italiane di addentrarsi verso il litorale. Città sotterranea scavata nella roccia, si immerge sotto il paese come un sommergibile a oltre 55 metri di profondità ossia un palazzo di quattro piani. Il forte mirabilmente conservato permette di scoprire i segreti e le tecnologie militari di difesa. Con una temperatura costante pari a 12°, si pianifica la visita al forte preferibilmente durante le giornate di forte calura.

Sulle orme di Cocteau

Un museo a sua immagine e somiglianza

Nel 1955, Jean Cocteau si innamora della città di Mentone in cui ha lasciato il segno con la sua energia creativa e innovativa. A testimonianza del suo amore per la città, lascerà in eredità due luoghi mitici e romantici: la Sala Matrimoni e il Bastione. Il museo Jean Cocteau – Collezione Séverin Wundermann (attualmente chiuso) costituisce l’ultimo omaggio reso dalla città di Mentone al Principe dei Poeti. Tre immancabili luoghi di cultura per seguire le orme di Cocteau in giro per Mentone!

I nostri suggerimenti