Strada di Bréa

Sito e monumento storici, Patrimonio storico, Via, Ville d'art et d'histoire A Menton
  • Anticamente denominata "Nuova" e poi "senza culottes" durante la Rivoluzione, prese il nome di "Bréa" nel 1865 per rendere omaggio a una grande famiglia di notabili della città.

  • Nel 1618, il principe Onorato II fece imboccare una nuova via per dare accesso al convento dei Cappuccini. Questo edificio fu trasformato dopo la partenza dei religiosi nel 1793, in municipio, scuola, caserma dei vigili del fuoco e oggi in edificio.
    La strada è inizialmente indicata con il nome di rue Neuve, prima di essere chiamata rue de Bréa, nella seconda metà del XIX secolo. Una targa affissa sulla casa della famiglia Monléon, commemora il passaggio di papa Pio VII a Mentone nel 1814....
    Nel 1618, il principe Onorato II fece imboccare una nuova via per dare accesso al convento dei Cappuccini. Questo edificio fu trasformato dopo la partenza dei religiosi nel 1793, in municipio, scuola, caserma dei vigili del fuoco e oggi in edificio.
    La strada è inizialmente indicata con il nome di rue Neuve, prima di essere chiamata rue de Bréa, nella seconda metà del XIX secolo. Una targa affissa sulla casa della famiglia Monléon, commemora il passaggio di papa Pio VII a Mentone nel 1814. Di fronte, un'altra lapide ricorda il generale Jean-Baptiste de Bréa, nato a Mentone nel 1790 e assassinato a Parigi nel giugno 1848. Un'ultima lapide evoca il passaggio del generale Bonaparte nel 1796, mentre partiva per la campagna d'Italia.
    Nel 1814, dopo il suo esilio a Fontainebleau, papa Pio VII fu autorizzato a rientrare nei suoi stati.
    A Mentone, l'11 febbraio fu ricevuto dalla famiglia di Monléon.
    La signora Trenca de Monléon ricorda:
    Questa cena, quanto frugale, per compiacere il Santo Padre che di solito si nutriva di uova sode! (che vive nell'ossessione di essere avvelenato).
    Su richiesta del signor Jérôme de Monléon, aveva accettato che le sue uova abituali fossero trasformate in omelette. Fu sorella Milon, che presiedeva i destini della cucina, che la preparò. Ma niente vino, niente torte, arance, solo mandarini».
  • Ambiente
    • Città
    • Nel centro storico
  • Lingue parlate
    • Francese
Apertura
Periodi di apertura
  • Tutto l'anno 2022
    Aperto Tutti i giorni
Nos suggestions